12.4 C
Londra
martedì 28 Giugno 2022
Home Storie in the box Sylvester Stallone e quella folle passione per l'Everton. Storia di un amore...

Sylvester Stallone e quella folle passione per l’Everton. Storia di un amore travolgente

2 ' di letturaTutti si sono emozionati almeno una volta nella vita guardando le avventure e le imprese di uno dei più grandi eroi del cinema d’azione di Hollywood, Sylvester Stallone. L’interprete di “Rocky” e “Rambo” ha però lasciato il segno anche nel mondo del calcio, recitando in una delle pellicole più celebri con tema principale il mondo del pallone: “Fuga per la vittoria”. In quel film del 1981 si ripercorrevano le vicende della partita della morte tenutasi a Kiev il 9 agosto 1942 tra una formazione mista di calciatori di Dynamo Kiev e Lokomotiv Kiev, e una squadra composta da ufficiali dell’aviazione tedesca, la Luftwaffe. Stallone interpretava il portiere americano della formazione di prigionieri, Roberth Hatch, recitando al fianco di calciatori veri e propri, quali ad esempio i campionissimi Pelè e Bobby Moore.

Passione vera

L’attore italo-americano, classe 1946, ha confessato di aver sviluppato proprio in quel periodo un’insana passione per una squadra di calcio inglese. Stiamo parlando ovviamente della metà vestita di blu di Liverpool, l’Everton. I Toffees sono riusciti a entrare nel cuore dello “Stallone italiano” del cinema, tanto da divenire a tutti gli effetti la sua squadra del cuore. Una passione che è sublimata in un primo incontro targato 2007, quando l’attore è stato ospite nel Merseyside e ha potuto vedere dagli spalti del Goodison Park la partita disputata contro il Reading. In quell’occasione fu invitato dall’amico Robert Earl, all’epoca direttore dell’Everton, per promuovere la pellicola “Rocky Balboa”, che sarebbe uscita nelle sale cinematografiche inglesi nel corso dell’anno.

Un acquisto mancato

L’impatto con il mondo del Football d’Oltremanica fu così straordinario e profondo, che poteva addirittura sublimarsi con un progetto ancora più ambizioso: divenire presidente e proprietario dei Toffees. Sì, perché come confessato in tempi più recenti al Daily Mirror, Stallone ha pensato di acquistare la squadra di Liverpool, all’epoca nelle mani di Bill Kenwright. “Vorrei aver comprato l’Everton. Se avessi saputo quello che so adesso, l’avrei fatto. All’epoca le squadre di calcio erano accessibili, ma ora se lo possono permettere solo i miliardari”, ha dichiarato l’interprete di Rocky.

Ritorno a Goodison Park

Ma quella non fu l’unica occasione che ha visto Sylvester Stallone protagonista al Goodison Park, perché nel 2015 è riapparso sul terreno di gioco, stavolta però lasciando un video messaggio. Durante un noioso sabato pomeriggio, nell’intervallo di uno scialbo pareggio a reti inviolate contro il West Brom, è arrivato dagli schermi l’invito di Sly Stallone ai tifosi dell’Everton. La richiesta era quella di fare più rumore possibile per creare l’atmosfera perfetta da usare nel combattimento finale del suo ultimo film, “Creed”. La troupe cinematografica di Sly Stallone aveva impostato le telecamere per catturare l’intera vista a 360 gradi della folla a Goodison Park, che poi è stata usata effettivamente nella pellicola. Un modo speciale per legarsi per sempre con la propria squadra del cuore, Sly ha fatto scuola, anche stavolta.

LEGGI ANCHE: Matteo Ferrari: prossima fermata Everton. Storia di un amore sfortunato

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Condividi: