test
14.9 C
Londra
domenica 14 Luglio 2024
Home News Opzioni sorprendenti: valutazione dell'attacco dell'Italia e delle minacce da gol per Euro...

Opzioni sorprendenti: valutazione dell’attacco dell’Italia e delle minacce da gol per Euro 2024

3 ' di lettura

Pixabay

Sta per scoccare l’ora dell’inizio degli europei di calcio 2024 che si terranno in Germania tra la seconda metà di Giugno e la prima di Luglio. Precisamente il primo calcio d’inizio sarà fischiato il 14 Giugno, con la partita Germania – Scozia, mentre la finale si terrà il 14 Luglio.

 

Nella scorsa edizione, nella fantastica cornice del Wembley Stadium in Inghilterra, era stata l’Italia di mister Mancini ad alzare la coppa a discapito dei padroni di casa. Dopo una lunga sfida, culminata ai rigori, gli azzurri hanno visto coronare il loro sogno contro una delle formazioni inglesi più forti di sempre.

 

Il nostro pensiero ora si focalizza proprio su quegli attimi, soprattutto su cosa possa essere cambiato 4 anni dopo, o meglio dire 3 dato che l’edizione 2020 degli europei è stata giocata nel 2021. Sulla panchina dell’Italia siede ora mister Spalletti, reduce dalla vittoria del terzo scudetto del Napoli. Nell’articolo di oggi cercheremo di focalizzarci su quanto possa essere pericoloso e pungente, l’attacco degli azzurri.

Il calendario dell’Italia

Qualsiasi analisi, sia sull’attacco azzurro sia su quello degli avversari, è puramente ipotetica dato che le convocazioni delle rose non sono ancora complete. Al momento l’unica cosa di cui possiamo essere certi, leggendo il calendario di Euro 2024, sono le compagini che l’Italia affronterà nella fase a gironi.

 

Infatti nel girone D gli azzurri affronteranno Albania, Spagna e Croazia. Una prima fase di competizione non impossibile per gli uomini di mister Spalletti, i quali dovranno fare molta attenzione negli scontri con Spagna e Croazia, squadre che sicuramente puntano a raggiungere le fasi più avanzate del torneo. Da non sottovalutare soprattutto l’Albania, poiché siamo ben consci di quanto l’Italia sa mettersi in difficoltà con formazioni minori, come accadde con il Costa Rica nel 2014 o peggio nel 2010 contro Slovacchia, Nuova Zelanda e Paraguay.

 

Pixabay

Scusi chi ha fatto palo?

Riprendendo le simpatiche parole del grande Paolo Villaggio nel film “Il secondo tragico Fantozzi” vogliamo affrontare l’argomento cardine di questo articolo: l’attacco azzurro. Al momento mister Spalletti non si è ancora deciso su chi portare in Germania e possiamo solo ipotizzare chi siano:

 

● Gianluca Scamacca: attaccante di peso dell’Atalanta di Gasperini, la sua assenza ha di sicuro influito nella finale di Coppa Italia disputata contro la Juventus, quest’anno ha segnato 17 gol in 40 presenze. Con l’Italia conta 15 presenze e un solo gol, ma va detto che non è mai stato un protagonista ed era la seconda scelta dietro Ciro Immobile.
● Ciro Immobile: l’attaccante azzurro ha sicuramente un’età, ma soprattutto esperienza. Potrebbe di certo essere utile date le sue 57 presenze e 17 gol. Sicuramente spera in una chiamata di Spalletti, che però deve convocare solo chi gli può dare certezze.
● Mateo Retegui: da signor nessuno a idolo dei tifosi genoani. Quest’anno in 30 presenze ha bucato ben 9 volte la rete, dimostrandosi un’arma importante per la salvezza del Genoa. Giocatore duttile, veloce e forte fisicamente, potrebbe giocare sia in un 4-3-3 che in un sistema con attacco a due.

A questi tre nomi caldi vanno di certo affiancati anche Pinamonti, Kean, Berardi, Chiesa, Raspadori, Lucca e Belotti. Purtroppo nessuno di questi ha dimostrato quest’anno di essere al top. Solo Federico Chiesa può vantare un pedigree tale da riuscire a strappare un posto per Euro 2024, ma non bisogna però aspettarsi lo stesso giocatore visto nel 2021.

Un’estate bollente

Si prevede dunque un’estate caldissima, anzi bollente, con la Nazionale italiana chiamata a scacciare via i brutti ricordi delle qualificazioni per il mondiale in Qatar e rispolverare la brillante forma del 2021. Occhi puntati però su un giocatore di un’altra nazionale, uno dei giocatori più pagati al mondo. Stiamo parlando di Cristiano Ronaldo che forse potrebbe dire addio al suo Portogallo proprio dopo questa competizione.

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Avatar
Gabriele Caldieron
Giornalista pubblicista specializzato nel mondo sportivo. Ex collaboratore di Football Data agenzia di statistica calcistica a livello Nazionale. Sono opinionista nella trasmissione regionale più vista in Toscana “A tutto gol” con Giorgio Micheletti su Toscana TV, direttore di www.labaroviola.com, sono co-fondatore di www.storiedipremier.it e www.ilcalciolatino.it. Sono Responsabile Comunicazione della Rondinella Marzocco. Conduco un programma sul calcio dilettantistico regionale presso Tele-FirenzeViolaSuperSport.

Articoli Correlati

Condividi: