9.5 C
Londra
martedì 16 Aprile 2024
Home Storie in the box Un anno da Charlie George: il "Beatle" londinese alla conquista del double...

Un anno da Charlie George: il “Beatle” londinese alla conquista del double 1970-71

2 ' di lettura

«In the town where I was born…» e poi ancora: «We all live in a yellow submarine». Estate 1966, nelle radio di tutto il mondo i Beatles spopolano ancora con una canzone che risuonerà soprattutto nei prossimi anni. Ad Islington un giovanissimo coi capelli lunghi copiati da una tendenza creata proprio dai quattro ragazzi di Liverpool – sta per entrare nel settore giovanile di una delle squadre più prestigiose d’Inghilterra. Il suo nome? Charlie George.
Un metro e ottanta di puro talento e un tifo sfrenato proprio per i Gunners: George sta realizzando praticamente il sogno di ogni bambino, giocare con la maglia della propria squadra del cuore. Siamo ancora lontani dal 1971 – anno in cui l’attaccante londinese scrisse per sempre la storia del club -, ma le basi sono state gettate: l’Arsenal in quell’estate non ha trovato un sottomarino giallo, ma l’attaccante per i
prossimi dieci anni.

Il cambio di rotta

Il club biancorosso è uno dei più influenti nella cultura di massa, ma il piatto piange: il titolo non arriva da ben 17 anni e i trofei in questo periodo sono davvero pochi. Un Charity Shield e una Coppa delle Fiere, per la precisione. Un bottino inesistente, serve dare una svolta enorme a un periodo inconsistente. Il 9 agosto 1969 George fa il suo debutto con l’Arsenal in prima squadra, contro l’Everton. Un avversario che purtroppo segnerà la sua carriera soltanto un anno più
tardi: in uno scontro con il portiere dei Toffees l’attaccante gunners si rompe la caviglia. Cinque mesi fuori e una stagione praticamente buttata via.

Il double 1970-71

 

Il destino però è dalla parte del calciatore nativo di Islington: George torna in campo e con 17 presenze e 5 gol contribuisce all’ottavo titolo della storia dei londinesi. La nemesi personale di George arriva l’8 aprile 1971, proprio contro il Liverpool: la partita si prolunga fino ai tempi supplementari, prima segna Heigway e poi pareggia
Kelly. Al 110’ Geroge riceve palla dal limite e senza pensarci due volte scarica in rete un destro micidiale sul primo palo. La prima cosa che fa dopo il gol è gettarsi a terra, un po’ per la stanchezza un po’ per rivoluzionare il modo di esultare, ma anche per permettere a tutti di fotografare una delle immagini più significative del calcio inglese.
Charlie George porta il suo Arsenal sul tetto d’Inghilterra con un double praticamente insperato visti i risultati della stagione passata. E lo fa – ironia della sorte – in maglia gialla, la divisa “ufficiale” delle finali: «In the town where I was born…Lived a man who sailed to sea…Every one of us has all we need», soprattutto dopo aver vinto i
due trofei più importanti d’Inghilterra.

 

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Avatar
Patrick Iannarelli
Nato in provincia di Latina, classe 1989. Amo il football inglese in tutte le sue forme, cerco di raccontare un po' di calcio per TuttoMercatoWeb.com.

Articoli Correlati

Condividi: