Tottenham, League Cup 2007/08: l’ultimo trionfo degli Spurs

0
Tottenham
3 ' di lettura

Ad un passo dal traguardo. Questa è la storia recente del Tottenham, club capace di entrare nel gotha del calcio inglese negli ultimi anni senza mai alzare un trofeo. Eppure gli Spurs, soprattutto nella gestione di Mauricio Pochettino, hanno sfiorato più volte una conquista importante – sia in Premier League che nelle altre competizioni – mancando sempre l’ultimo e decisivo passo. Una sorta di sacrilegio per tifosi londinesi che, per ricordare l’ultimo trofeo, devono risalire alla stagione 2007/2008. Era il Tottenham di Juande Ramos che, nella finale di League Cup, ebbe la meglio sul più quotato Chelsea.

Inizio stagione da incubo: panchina Juande Ramos

L’ultima stagione vincente del Tottenham comincia come peggio non potrebbe. Sulla panchina siede Martin Jol, tecnico capace nei due anni precedenti di condurre gli Spurs ad altrettante qualificazioni alla Coppa Uefa. Nell’annata 2006/07 i londinesi sono giunti addirittura ai quarti di finale, uscendo per mano del Siviglia che poi si aggiudica il trofeo. Tutto lascia presagire ad una nuova stagione di soddisfazioni, ma ci vorrà poco per smentire questi pronostici.

Nelle prime dieci partite ufficiali tra Premier League e Coppa Uefa, il Tottenham centra una sola vittoria. A Jol non basta il pirotecnico 4-4 contro l’Aston Villa per salvare la panchina: un pareggio ottenuto in rimonta dall’1-4 nel giorno dei 125 anni del club. Il tecnico olandese viene sostituito da Juande Ramos, che l’anno prima alla guida del Siviglia aveva battuto il Tottenham durante il suo trionfale percorso in Coppa Uefa.

Tottenham Ramos
Juande Ramos: mai cambio in panchina poteva essere più azzeccato

Spurs altalenanti: leoni in League Cup, deludente negli altri tornei

Il cambio riesce a dare una scossa alla balbettante formazione londinese, che con il passare delle settimane esce dalle zone basse della classifica. L’undicesimo posto finale è poca cosa rispetto alle aspettative iniziali, ma in un’annata transitoria come quella l’importante era evitare un’improbabile e catastrofica retrocessione. Gli Spurs salutano la FA Cup al quarto turno e la Coppa Uefa agli ottavi di finale, mentre in League Cup tirano fuori il meglio delle loro qualità.

Il cammino del Tottenham in Coppa di Lega parte senza particolari intoppi, con un doppio 2-0 ai danni di Middlesbrough e Blackpool nei primi due turni. Gli Spurs giungono così ai quarti di finale, dove eliminano il Manchester City imponendo ancora una volta la legge del 2-0 (reti di Defoe e Malbranque). La semifinale è per cuori forti, dovendo affrontare i rivali cittadini dell’Arsenal. Dopo l’1-1 dell’andata, a Withe Hart Lane la squadra di Ramos gioca la gara dell’anno schiacciando i cugini con un debordante 5-1.

Tottenham Berbatov
Berbatov, uno dei protagonisti del Tottenham nella League Cup 2007/08

Chelsea ultimo ostacolo verso il paradiso

Il Tottenham riesce così nell’impresa di centrare la finale di League Cup, dove l’attende un’altra rivale cittadina. Si tratta del Chelsea di Avram Grant, una delle più forti squadre d’Europa in quegli anni. I pronostici sono tutti per i Blues, ma gli Spurs cominciano la gara senza alcun timore reverenziale. La magistrale punizione trasformata da Drogba a pochi minuti dall’intervallo potrebbe tarpare le ali al Tottenham, che però non vuole mancare all’appuntamento con la storia.

Nella ripresa la formazione di Ramos rimane in partita e al 70′ pareggia, con un rigore realizzato con freddezza da Berbatov. Si vai supplementari e, quattro minuti dopo il fischio d’inizio, Woodgate porta in vantaggio il Tottenham. Un gol che difende insieme ai suoi compagni fino alla fine dei supplementari, per evitare le mille incognite dei calci di rigore. Al fischio finale, il popolo degli Spurs può liberare tutta la sua gioia. Vincere un trofeo eliminando due rivali cittadine e non capita tutti i giorni. Una soddisfazione che il Tottenham arriverà solo a sfiorare nei 12 anni successivi.

Tottenham
Il Tottenham può alzare al cielo la su League Cup