6.2 C
Londra
domenica 21 Aprile 2024
Home Storie in the box Sunderland - Liverpool, la luce in quel giorno “venne accesa” da un...

Sunderland – Liverpool, la luce in quel giorno “venne accesa” da un pallone da spiaggia

2 ' di lettura

“Un gol epico, ai limiti dell’assurdo. Ciò che accadde a Sunderland rimarrà per sempre uno degli episodi più curiosi della storia”

Era il 17 ottobre del 2009, quando a Sunderland successe qualcosa di inspiegabile. Il gol più fantascientifico della Premier League direte voi, forse della storia del calcio. Un gol irripetibile ai limiti del credibile. Irregolare. 

Ebbene sì, Sunderland – Liverpool venne decisa da una deviazione, ma non da una qualunque, da un pallone da spiaggia lanciato in campo da un giovane tifoso dei Reds. Un vero e proprio autogol per lui.

Quel sabato i Black Cats ospitavano il Liverpool in una partita di inizio stagione. La partita durò praticamente solo cinque minuti, tempo di far invadere il campo ad un pallone da spiaggia facendogli realizzare il goal decisivo.

Quinto minuto di gioco allo Stadium of Light, i padroni di casa stanno attaccando l’area avversaria quando improvvisamente c’è una invasione di campo. Il classico tifoso che corre ad abbracciare il proprio idolo? Macché…Un pallone da spiaggia rosso fiammante lanciato dal settore del Liverpool da un ragazzino. Il piccolo ricorderà per sempre quel match.

Il gioco non venne interrotto e il pallone gonfiabile con tutta la sua leggerezza scivolò  lentamente in area di rigore minacciando la porta di Pepe Reina. Come finì? Palla a Darren Bent che non ci pensò due volte e scaricò un destro potente verso la porta, il pallone venne deviato dalla sfera rossa e finì in rete spiazzando il portiere. 1-0.

Il gol venne convalidato nello stupore generale, i Reds protestarono a lungo, ma l’arbitro non ebbe dubbi. È valido. Per i restanti minuti di gioco successe poco o nulla, difatti la luce era già stata accesa. L’interruttore era stato messo nuovamente sul tasto ON e sopra Sunderland si era accesso un forte bagliore. 

Nonostante la decisione arbitrale, il gol era da annullare. Il regolamento è chiaro, qualsiasi invasione di campo che influisce sullo sviluppo dell’azione comporta l’interruzione del gioco. Questo significa che il pallone da spiaggia è da considerarsi a tutti gli effetti un invasore, per questo il gioco andava immediatamente interrotto.

Come tutti sappiamo, nell’era di gioco moderna tutto questo sarebbe stato visionato al VAR e la tecnologia avrebbe condannato l’episodio facendo cambiare idea al direttore di gara. Undici anni fa questo strumento non era ancora stato introdotto, è per questo che oggi abbiamo la possibilità di racconta storie così.

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Condividi: