1.3 C
Londra
lunedì 25 Gennaio 2021
Home Storie in the box “I bad boys vincono le partite”, Mourinho nella docuserie sul Tottenham

“I bad boys vincono le partite”, Mourinho nella docuserie sul Tottenham

2 ' di lettura“All or Nothing è la docuserie che vede il Tottenham protagonista con al comando lo Special One, Josè Mourinho”

È stata rilasciata su Amazon Prime Video il 31 agosto 2020 la docuserie che vede gli Spurs al centro dei riflettori.

I nove episodi raccontano la mediocre stagione del Tottenham, ma nonostante questo non mancano colpi di scena e aneddoti da spogliatoio. Alla fine del 2019 Maurizio Pochettino è stato licenziato e al suo porto si è seduto in panchina Josè Mourinho, il vero e proprio protagonista dalla serie tv.

L’allenatore portoghese ha portato entusiasmo nel Nord di Londra, purtroppo però non è riuscito a risollevare le sorti di una stagione difficile sotto tanti aspetti. In particolare gli infortuni di Kane e Son hanno lasciato la squadra senza punti di riferimento e questo ne ha compromesso gran parte della stagione. I pessimi risultati delle prime giornate di campionato hanno portato al licenziamento di Pochettino, nonostante qualche mese prima avesse compiuto una vera e propria impresa qualificandosi per la finale di Champions League.

Mourinho si rivela un motivatore assoluto, carica i ragazzi costantemente e li spinge verso i loro obiettivi. La squadra ha le potenzialità per stare nelle posizioni alte della classifica, e José di questo ne è certo. Non lascia niente al caso, scherza e rimprovera la squadra quanto basta. Riesce a far tirare fuori ai ragazzi la cattiveria giusta per non lasciare scampo agli avversari. Al primo allenamento lo Special One mette in chiaro le cose: “Dele si un pigro del cazzo, svegliati!”, sicuramente non il benvenuto che Alli si aspettava.

La stagione per il Tottenham non decolla, anzi. Risultati mediocri e vari infortuni allontanano sempre di più gli Spurs dal loro obiettivo, la zona Champions League.

Improvvisamente la stagione si ferma, il COVID-19 costringe tutti i campionati alla immediata interruzione. Tutti a casa quindi, ma gli allenamenti non si fermano. La società infatti ha predisposto attrezzature per tutti i suoi calciatori, consegnate direttamente con dei furgoni a ognuno di loro. Gli allenamenti atletici su Zoom costringono i ragazzi a stare lontani dal terreno di gioco, non mancano momenti di frustrazione tra di loro.

Il campionato riparte nel mese di giugno, Mourinho recupera gli infortunati Kane e Son ma questo non basta. La stagione termina per gli Spurs con un sesto posto in Premier League e l’uscita agli ottavi di Champions con il Lipsia. Zeru tituli per lo Special One.

La serie ci mette di fronte una società composta da 600 dipendenti, uno stadio da 1 miliardo di sterline e tante storie personali, una diversa dall’altra.

Consigliata? Assolutamente sì. Immergetevi in un club di Premier League, vi sembrerà di farne parte.

All or Nothing, tutto o niente perché in questo sport non ci si può accontentare.

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Condividi: