12.9 C
Londra
domenica 20 Giugno 2021
Home Storie in the box Che fine ha fatto il Bolton? Trotters lontani dai vecchi fasti

Che fine ha fatto il Bolton? Trotters lontani dai vecchi fasti

3 ' di letturaLa Premier League, così come tutti gli altri campionati, è fatta di certezze rappresentate dalle squadre che la frequentano abitualmente. Al di là delle grandi, ci sono club che per molto tempo sono stati parte integrante del massimo campionato inglese e tra questi – nei primi anni 2000 – figurava il Bolton. I Trotters sono stati protagonisti di ottime stagioni, per poi andare incontro ad un lento e inesorabile declino che li ha portati a frequentare addirittura la League Two. Momento non facile per tifosi del Bolton, che sognano rivivere quanto prima le emozioni provate sia in ambito nazionale che europeo.

I primi anni di vita: 4 trofei per i Trotters

Il momento più prolifico per il Bolton sul piano dei trofei riguarda certamente i suoi primi anni di vita. Tra i club fondatori della Football League, che nasce nel 1888, il club di Horwich negli anni ’20 riesce ad aggiudicarsi tre edizioni della FA Cup. Un periodo d’oro per i Trotters, che nella stagione 1924/25 sfiorano addirittura il titolo finendo terzi a soli 3 punti di svantaggio dall’Huddersfield campione.

Nei decenni successivi il Bolton continua ad essere un abituale frequentatore della First Division, pur non lottando più per le prime posizioni. I Trotters hanno però un risveglio negli anni ’50, quando perdono la finale di FA Cup contro il Blackpool nella stagione 1952/53 per poi riscattarsi qualche anno più tardi.

Nella stagione 1957/58 trionfano nella coppa nazionale inglese battendo in finale il Manchester United per 2-0. A segnare la doppietta decisiva è Nat Lofthouse, vera e propria icona del club con 285 gol in 452 presenze. L’anno successivo arriva il trionfo in Charity Shield, battendo per 4-1 il Wolverhampton. L’ultimo titolo nella storia del Bolton, che poi va incontro ad una fase critica della sua storia.

Bolton
Il Bolton alza al cielo la sua quarta FA Cup

L’arrivo di Allardyce: il Bolton conquista l’Europa

Esaurito il ciclo d’oro degli anni ’50, il Bolton vive tre decenni decisamente precari. La squadra scende fino alla Third Division, riconquistando i piani alti del calcio inglese solo a metà degli anni ’90. L’arrivo nella neonata Premier League e, per tornare a vedere le stelle, i Trotters devono attendere ancora qualche anno. La svolta avviene nel 1999, quando sulla panchina del Bolton si siede Sam Allardyce.

Il tecnico prende la squadra in First Division (l’odierna Championship) e, dopo aver fallito l’obiettivo promozione al primo colpo, si rifà nella stagione 2000/01 battendo nella finale dei play off il Preston North End. Dopo due sofferte salvezze, Il Bolton comincia a stabilizzarsi nella colonna sinistra della classifica di Premier League. Nel 2003/04 il club arriva ottavo, arrivando anche in fondo alla Coppa di Lega e perdendo all’ultimo atto contro il Middlesbrough.

Allardyce Bolton
Sam Allardyce, autore di un grande ciclo con il Bolton

Un exploit che non si rivela isolato, perché l’anno successivo il Bolton arriva sesto conquistando per la prima volta nella sua storia l’accesso alla Coppa Uefa. Il primo impatto con una competizione europea non si rivela così traumatico, visto che i Trotters – oltre a confermarsi su buoni livelli in campionato arrivando ottavi – raggiungono i sedicesimi di finale (turno in cui vengono eliminati dall’Olympique Marsiglia).

L’ultimo anno targato Allardyce coincide con un settimo posto e con la seconda qualificazione dalla Coppa Uefa nel giro di tre stagioni. Un risultato onorato l’anno successivo, quando i Trotters escono agli ottavi di finale per mano dello Sporting Lisbona dopo aver battuto l’Atletico Madrid nel turno precedente e pareggiato contro il Bayern Monaco nella fase a gironi. Raggi di luce in campo europei, ai quali presto seguirà un nuovo periodo di buio.

Gli ultimi anni, la caduta in League Two

Nelle stagioni successive il Bolton occupa un ruolo sempre più marginale nel palcoscenico inglese, tra campionati anonimi e salvezze sofferte. Al termine della stagione 2011/12 arriva addirittura la retrocessione in Championship, dalla quale il club fatica a scuotersi. Dopo tra annate aver die emozioni, i Trotters retrocedono in League One e, dopo un fugace ritorno in Championship, crollano addirittura in League Two.

In questa stagione i Trotters hanno disputato un campionato d’alto profilo nella quarta serie inglese, trovandosi al terzo posto a due giornate dalla fine. La lotta per il primato è con Cheltenham Town e Cambridge United: avversari di ben altro spessore rispetto a quelli di qualche anno fa, ma ostacoli necessari per il ritorno nel calcio che conta.

LEGGI ANCHE: David Platt: idolo inglese anni ‘90 dalle alterne fortune in Serie A

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Condividi: