19.9 C
Londra
lunedì 15 Agosto 2022
Home Icons C'era una volta Jack Grealish, il bambino tifoso di Villa Park

C’era una volta Jack Grealish, il bambino tifoso di Villa Park

2 ' di letturadi Alessandro Zoppeddu 

Birmingham, in particolare sponda Villa Park, rappresenta da sempre uno dei cuori pulsanti del calcio inglese. Una città storica ed un club storico, fatti di vittorie in First Division ed in Coppa Campioni, trascinati dal bomber Peter Withe e da una banda di gladiatori guidati da un duo come quello formato da Ron Sanders e Tony Barton.

Withe non era solo però in quella squadra leggendaria, fatta di Gary Williams (240 in maglia Villans), il longevo Jimmy Rimmer ed un certo Gary Shaw ad accompagnarlo (si fa per dire). È proprio da qui che inizia la nostra storia. Perché sarà proprio guardando i video di questo campione, arrivato a vincere una Coppa dei Campioni con la squadra del cuore, che Jack Grealish si innamorerà del calcio.

Già tifoso dell’Aston Villa fin da bambino, Jack si dilettava a praticare lo storico Calcio Gaelico, fino ai 14 anni. Chi lo conosce fin da ragazzo attribuisce proprio a questa disciplina famosa soprattutto in Irlanda, terra di origine della madre, la sua straordinaria resistenza ai contrasti, l’agilità e la capacità di pensare in maniera immediata. Grealish è talento allo stato puro, fatto di discontinuità ed attimi memorabili. La partita vinta dai Villans 7-2 contro i campioni d’Inghilterra del Liverpool, è semplicemente il manifesto dell’arte che questo ragazzo cresciuto all’ombra di Villa Park può offrire. D’altronde due goal e due assist, non sono conigli che chiunque estrarrebbe dal proprio cilindro contro Jurgen Klopp

Da Gary Shaw a Jack Grealish, passando per un’altra leggenda come Gabriel Agbonlahor. Suo punto di riferimento durante i primi anni con i grandi, “Gabby” ha insegnato praticamente tutto a Grealish, trasmettendogli l’onore che rappresenta vestire la maglia Clarets and Blue di Birmingham. Non sappiamo se Jack accetterà le lusinghe di club ricchi come Manchester United e Tottenham: d’altronde le offerte per il ragazzo non mancano. A noi piace pensare che esista ancora qualche romantico, sperando che il bambino di Villa Park continui ad incantare una Premier League che vede l’Aston Villa a punteggio pieno. E se un uomo come Joe Cole, che esattamente il primo passante non è, dice di lui “è il calciatore inglese più talentuoso visto dai tempi di Gazza Gascoigne”, un motivo dovrà pur esserci.

Jack oggi: il Re di Villa Park
42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Condividi: