5.5 C
Londra
mercoledì 17 Aprile 2024
Home Podcast Quando Bellamy minacciò di morte ubriaco Riise brandendo una mazza da golf,...

Quando Bellamy minacciò di morte ubriaco Riise brandendo una mazza da golf, esultanza del gol a Barcellona nella vittoria Reds

"Stai zitto, non canterò. Altrimenti ti metterò le mani addosso!" Craig non la prende bene e risponde per le rime: "Ti ammazzo"...

3 ' di letturaDi Gabriele Caldieron

E già dal titolo capite bene in poche parole quello che sia successo. Parliamo del Liverpool, di quello famelico in Champions, allenato da Rafa Benitez che nella stagione 2006/2007 raggiunse la finale ad Atene e venne sconfitta dal Milan in un’epica rivincita.

Siamo a Barcellona, ed è il 20 Febbraio 2007, si giocano gli ottavi di finale tra i blaugrana ed il Liverpool appunto. Ma prima di raccontarvi la storica partita dobbiamo arretrare le lancette di qualche ora, quando Benitez decide di concedere ai suoi ragazzi una serata libera o meglio, come raccontato da Jhon Arne Riise nella sua biografia “The Running Man” ben cinque giorni in un paradiso per sfuggire dal clima inglese: si vola ad Algrave in Portogallo con allenamenti soft, giocare a golf, rilassarsi al sole… O meglio, era questo il piano.

L’alloggio è il Barrigntons Golf and Spa Hotel, un resort situato nella “Vale do Lobo”. Una struttura modernizzata nel 2006 e quindi perfetta per l’occasione. Riise condivide una stanza con Agger. Il terzino racconta che il giovedì venne deciso di fare una cena di squadra insieme anche allo staff tecnico. A queste serate è concesso anche bere qualche birra visto che siamo a sei giorni dal match.

Il capitano Steven Gerrard contatta il proprietario e prenota una stanza privata al Monty’s Restaurant and Bar dove, oltre ad un’ottima birra, e campi da golf, c’è la possibilità di cantare al karaoke in un posto incantevole vicino alla spiaggia: un buon modo per fare gruppo a poche ore da una così importante sfida.

Prima dell’arrivo del cibo qualche ragazzo comincia a bere e tra questi c’è Craig Bellamy. Bellamy prende il microfono di mano e comincia a gridare: “Riise’s gonna sing!” ossia: “Riise canterà!”. E lo chiede a gran voce prima, durante e dopo la cena ed il tasso alcolemico sale di livello.

Bellamy insiste anche dopo cena quando anche ad altri ospiti adesso è permesso stare intorno ai giocatori, ma Riise s’irrigidisce ed esclama: 

“I’m not singing. Shut the fu*k up or else I’m gonna smash you!” 

“Stai zitto, non canterò. Altrimenti ti metterò le mani addosso!”

Craig non la prende bene e risponde per le rime: 

“Ti ammazzo” E qualche epiteto che vi risparmio.

Tutto finito penserete, si sono presi a parole per via dell’ebrezza alcolica e finita li… Invece no, la situazione però sfugge di mano degenerando in modo irreparabile:

Riise decide di andarsene ma il compagno di stanza, Agger, rimane fuori ancora un po’, Jhon quindi dice che lascerà la porta aperta e si mette sotto le coperte… Dopo qualche ora sente aprire la porta… Ma non c’è Agger, bensì Bellamy che si fionda vicino al letto di Riise brandisce una mazza da golf e colpisce Riise prima su un fianco, poi su una coscia. Inutili i tentativi di pararsi con un cuscino:

“Craig! A mani nude” esclama Riise, Bellamy: “Ci vediamo domattina alle nove, e finirò quello che ho iniziato”. Sono circa le tre del mattino, e Riise pensa che avrebbe potuto subire fratture o peggio ancora: la fine della sua carriera.

La mattina seguente Riise bussa alla porta di Bellamy ma nessuno apre, si viene a sapere che Dudek era stato ammanettato ed arrestato dalla Polizia, ma questa è un’altra storia.

La notte di follia si conclude con una sonora multa per Bellamy (circa 90.000€.) e Riise dichiarerà che non hanno mai chiarito e che da quel giorno non si sono più parlati…

La sera del Camp Nou, in un bizzarro gioco del destino, il Liverpool vince per 1-2 con le reti di Bellamy al 43′ che esulta mimando il gesto della mazza da golf, e Riise al 74′ a completare la rimonta dopo il vantaggio di Deco con assist dello stesso Bellamy.

Follia, alcol, risse, e quant’altro… Ma avendo visto solo la partita e la forza di quella squadra voi, lo avreste mai pensato?

Vuoi ascoltare questa storia? Ecco il podcast

Ascolta “Quando Bellamy minacciò di morte Riise” su Spreaker.

 

42,353FansMi piace

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Avatar
Gabriele Caldieron
Giornalista pubblicista specializzato nel mondo sportivo. Ex collaboratore di Football Data agenzia di statistica calcistica a livello Nazionale. Sono opinionista nella trasmissione regionale più vista in Toscana “A tutto gol” con Giorgio Micheletti su Toscana TV, direttore di www.labaroviola.com, sono co-fondatore di www.storiedipremier.it e www.ilcalciolatino.it. Sono Responsabile Comunicazione della Rondinella Marzocco. Conduco un programma sul calcio dilettantistico regionale presso Tele-FirenzeViolaSuperSport.

Articoli Correlati

Condividi: