giovedì 28 Maggio 2020
Home Icons La leggenda di Norman Hunter, il predestinato di Elland Road

La leggenda di Norman Hunter, il predestinato di Elland Road

0

Dissero che, come calciatore, Norman Hunter aveva una missione nella vita. “L’ elettricista mi diceva: ‘Norman, prendi la palla e la dai a chi sa giocare”, ha ricordato una volta.

La leggenda di Leeds Norman Hunter era fatta di granito

Come molti dei grandi veri, l’apprezzamento di Hunter per il suo talento raramente correva profondo. La modestia era ancora una dote vera negli anni ’60 e ’70. “Non sono mai stato il più veloce”, ha detto l’ex centrale del Leeds e dell’Inghilterra all’Independent molti anni dopo. “Ma sapevo leggere le situazioni”.

Le sue celebri entrate sulle gambe degli avversari

La verità è che Hunter – che è morto all’età di 76 anni per il Coronavirus – era davvero un ottimo calciatore. Un difensore centrale abbastanza bravo da giocare occasionalmente a centrocampo collezionando con la nazionale 28 presenze. Può considerarsi una bandiera del Leeds United, portato da Don Revie al vertice del calcio inglese ed europeo alla fine degli anni ’60.

Hunter, nella foto festeggiava dopo aver aiutato Leeds a vincere la finale della FA Cup del 1972 contro l’Arsenal

Hunter ha giocato 726 volte per il Leeds in 15 anni, una carriera che si è protratta dal 1962 al 1976. Ha vinto due campionati, in un periodo in cui il Leeds in dieci anni non è mai finito fuori dai primi quattro. Oltre a ciò, ha anche lottato per vincere la Coppa dei Campioni, venendo sconfitto nella finale del 1975 contro il Bayern Monaco.

Da giovane, Hunter desiderava giocare per il Newcastle, ma fu presto preso dal Leeds

Nato a Gateshead, fu preso dal Leeds da giovane, praticamente da adolescente. Promosso da Don Revie dal settore giovanile dopo che il precedente manager Jack Taylor lo aveva giudicato inadeguato, era un giovane magro e sciatto, molto diverso dal difensore fisicamente imponente che abbiamo conosciuto. Hunter è stato alimentato con una razione giornaliera di uova crude e sherry dal suo nuovo manager nel tentativo di accelerare il suo sviluppo. È giusto dire che alla fine ci è riuscito.

Hunter ha collezionato 28 presenze nella nazionale inglese nel corso della sua carriera

La reputazione del Leeds è cresciuta costantemente sotto Revie, così anche quella di Hunter. Alcuni altri artisti del calibro di Tommy Smith del Liverpool e Ron Harris del Chelsea, in seguito hanno confessato la loro frustrazione perchè la loro abilità era stata trascurata. Non fu così per Hunter. “Conoscevo il mio ruolo”, ha detto.

Hunter ha ben presto scoperto che le possibilità di giocare nella Coppa del Mondo ’66 erano ridottissime, per la presenza di Bobby Moore e Jack Charlton

“Don Revie ci diceva sempre di andare duri con le prime entrate, perché l’arbitro non ci avrebbe mai ammoniti alla prima entrata. Lo chiamavamo l’omaggio. Andavo giù duro, aiutavo il mio avversario a rialzarsi e chiedevo scusa all’arbitro. Onestamente non mi sono mai preoccupato per nessuno al di fuori del nostro spogliatoio di Elland Road. Non mi importava cosa pensassero gli altri. Tranne forse Alf Ramsey”.

Nel 2009 gli fu consegnata la medaglia per la Coppa del Mondo in quanto era nella squadra inglese che trionfò nel 1966

Hunter faceva parte della nazionale inglese che vinse la Coppa del Mondo sotto Ramsey nel 1966. Non ha mai giocato – avendo la sfortuna di trovarsi davanti il capitano Bobby Moore e il compagno di club Jack Charlton – ma è stato premiato con la medaglia del vincitore 41 anni dopo . Nel 1973 era nella squadra inglese ma fece un errore durante una qualificazione imperdibile contro la Polonia a Wembley. La partita terminò 1-1 e l’Inghilterra rimase a casa, esclusa dalla fase finale della Coppa del Mondo che seguì.

Hunter fu comunque eletto PFA Player of the Season quell’anno, ma l’errore rimase uno dei grandi rimpianti della sua carriera stellare. “Da allora è rimasto con me”, ha detto. Un altro è stato il suo coinvolgimento in una rissa con Francis Lee del Derby County nel 1975. Talmente feroce che continuò anche negli spogliatoi, dopo che l’arbitro aveva espulso entrambi

“Ho giocato oltre 700 partite per il Leeds, 120 partite con il Bristol City, e sono ricordato per tre cose”, ha detto Hunter.

Norman che morde le gambe (scarabocchiato su uno striscione alla finale della Coppa di Lega del 1968) , la rissa con Francis Lee e quell’errore contro la Polonia. “Non mi è mai stata data la possibilità di dimenticarmene, perché ogni quattro anni, quando provavamo a qualificarci per i Mondiali, che cosa tiravano in ballo? La Polonia. Incredibile”.

Come molte delle sue storie, quella l’ha sempre raccontata con un sorriso autoironico. Hunter conosceva il suo valore e non doveva guardare il suo curriculum per sottolinearlo.

Solo Charlton, Billy Bremner e Paul Reaney hanno rappresentato il club più di lui. Ma nessuno lo fece con più ostinazione. “Per due o tre stagioni, il Leeds è stato una delle migliori squadre in Europa”, ha detto Hunter una volta. Pochi hanno discusso in quel momento e nemmeno ora non osano farlo.

Tratto da: https://ilnobilecalcio.it

Mario Bocchio